home
design e cultura quotidiana

I mesi rovesciati

Arezzo, Santa Maria della Pieve, Corso Italia

apri apri apri apri apri apri apri apri

Edificata tra il XII e il XIII secolo la Pieve di Arezzo è una delle più importanti e famose chiese romaniche della Toscana. Nel 1216 furono collocate, nell’archivolto del portale d’ingresso, le statue policrome allegoriche dei mesi, generalmente riferite o perlomeno ispirate alla scuola dell’Antelami (che aveva dotato di simile allegoria, anche se con maggior sapienza, il Battistero di Parma nella seconda metà del secolo precedente).

Singolarità dell’opera, su cui in genere si glissa,  è il fatto che alcune delle iscrizioni (‘Hic est Februarius’, ‘Hic est Iunius’) risultano speculari secondo l’ordinario senso di lettura. Non c’è spiegazione logica per la cosa; né la bizzarria dell’artista, né la posizione particolare nella composizione, né motivi religiosi, magici o apotropaici. Vien quasi da pensare ad un errore dello scalpellino (evidentemente non sapeva leggere e pose a rovescio la traccia di scrittura) che eseguì in loco l’incisione e che non fu debitamente controllato dai committenti o dall’artista.
Lo stile della scrittura maiuscola dell’epigrafe sembrerebbe poi una evoluzione delle scritture caroline e carolinge, con il comparire dei tratti terminali delle lettere (le grazie) e alcune particolarità che ritroveremo, in analoghe epigrafi, negli anni a venire (si veda ad esempio la grafia della lettera A oppure l’andamento a spirale della G, in ‘Augustus’, che appare uguale a quello della penultima riga della dichiarazione di Oderisio nella Abbazia di San Giovanni in Venere).
Anche l'uso della h minuscola in un contesto maiuscolo è diffuso nella epigrafica coeva; vi fa ricorso, ad esempio, Wiligelmo nelle formelle del Duomo di Modena.

Questa scheda è nella categoria
iscrizione \

Apri il Typo Tour in GoogleEarth
Apri il Sign Tour in GoogleEarth
Vuoi partecipare alla realizzazione del Typo Tour?
Proponi un luogo

Inserito da il 17.08.07 | (0)


Condividi:        



 

Il Grand Tour della tipografia italiana





SocialDesignZine
periodico online
autorizzazione del Trib. di Milano
n. 366 del 11/06/08
anno VI


Aiap

associazione italiana progettazione per la comunicazione visiva

Ultimi commenti


Cerca



Archivi


Notifica



 
Per Cancellarti clicca qui.

Ultime recensioni

Le donne della grafica Utilità manifesta a stampa Interiorae, capitolo terzo Alle basi del graphic design Bello e anche utile

Libri consigliati

Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. UNO Andrea Rauch, Gianni Sinni, SocialDesignZine vol. DUE Il mondo come design e rappresentazione Ellen Lupton, Graphic Design The New Basics Steven Heller, Mirko Ilic, Design Anatomy Albe Steiner, Il mestiere di grafico Italic 2.0 Michael Bierut, Seventy nine short essays on design Progetto grafico Alba. Nuovi manifesti italiani Spaghetti grafica. Contemporary Italian Graphic Design Disegnare le città